Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Amministrazione trasparente

Nuova Amministraz. Trasparente

  • Nuova Amministraz. Trasparente

Miglioramento dell'accessibilità

Login area riservata

Accesso all'area riservata

PROGETTO “ Un anno con il Piccolo Principe”

 

Giorno 9 giugno 2014, nell’aula multifunzione del  Plesso “Fontanazza” del 3° Circolo Rocco Chinnici, gli alunni della classe a tempo pieno IV C, guidati dalle insegnanti Tigano Rosalba, Iacolino Carmela, Mela Alessandra e Verde Lina, si sono cimentati nella rappresentazione teatrale del testo di  Antoine de Saint-Exupery  Il piccolo principe.

Un racconto molto poetico che,  nella forma di un'opera letteraria per ragazzi, affronta temi come il senso della vita e il significato dell'amore e dell'amicizia e ci ricorda tutti quei valori che riempiono di significato il nostro vivere quotidiano. La recita è stato il momento conclusivo di un percorso iniziato con l’insegnante d’italiano, nel mese di ottobre 2013, attraverso la lettura, l’analisi e il commento di ogni capitolo del libro e la condivisione dei sentimenti e delle emozioni che ne sono scaturiti. In particolare il Progetto Un anno con il piccolo principe è stato un cammino per costruire la propria autostima, un’avventura per conoscere mondi e individui, spesso chiusi nella propria verità incontestabile e non disposti ad entrare in relazione, un viaggio alla scoperta dell’altro e alla scoperta della consapevolezza che siamo tutti “unici, speciali”.

Il tema delle relazioni, del creare legami, è il tema conduttore del libro e quindi anche i bambini, avendo creato uno stretto legame con il testo, hanno sentito il dovere e il piacere di raccontarlo ai genitori, mettendoli nella condizione di guardare il loro spettacolo andando al di là della ragione e delle cose misurabili, per lasciarsi prendere dall’essenziale che è invisibile agli occhi, ma che ha la potenza dell’emozione e del sentimento.

E prendendo spunto dalla dedica dell’autore “Tutti i grandi sono stati bambini … (ma pochi di essi se ne ricordano”), hanno dedicato il lavoro a quanti hanno paura di crescere e a tutti i grandi, forse troppo cresciuti, col desiderio di risvegliare il bambino che dorme in loro.

 

 

Utenti Collegati

Abbiamo 16 visitatori e nessun utente online